+39 0831 1823528 - +39 340 1223877  | Via Giosuè Pinto n. 26 - 72017 Ostuni (BR)

 

Cerca la tua casa

Autorizzazione paesaggistica, il no deve essere motivato

villan07/02/2020 – La tutela dei beni paesaggistici è un’attività di estrema importanza che garantisce la protezione e la conservazione degli stessi beni. Al tempo stesso, essere il proprietario o il possessore o il detentore a qualsiasi titolo di un immobile o di un’area vincolata ai sensi della Parte III del Codice dei Beni Culturali può rivelarsi uno svantaggio piuttosto che un privilegio, soprattutto quando occorre intervenire su tali beni.
 
L’iter procedurale per la realizzazione di interventi sui beni paesaggistici può diventare un vero e proprio labirinto burocratico, perché le funzioni della materia paesaggistica sono di competenza di enti diversi. Infatti, le attività di tutela del paesaggio sono attribuite allo Stato che le esercita attraverso il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Turismo (Mibact); le funzioni di valorizzazione e fruizione dei beni paesaggistici, nonché l’approvazione di piani paesaggistici, sono attribuite alla Regioni, mentre ai Comuni spetta il compito di adeguare i propri strumenti urbanistici ai piani paesaggistici e di rilasciare le autorizzazioni per gli interventi.

Leggi tutto...

Guida ai contratti tipo di locazione di immobili ad uso abitativo

firmacontrCome funziona il contratto di locazione ad uso abitativo e quali sono le detrazioni fiscali per l'affitto di una casa?

La locazione abitativa è disciplinata dal codice civile. Secondo l’art. 1571 c.c., “la locazione è il contratto col quale una parte si obbliga a far godere all’altra una cosa mobile o immobile, per un dato tempo, verso un determinato corrispettivo.

Le parti del contratto sono, da una parte, il locatore, che si obbliga a consentire di fruire del bene oggetto della locazione, ed il conduttore, che trae godimento dal bene locato e si obbliga nei confronti del locatore a riconoscergli un corrispettivo.

La legge n. 431/1998 costituisce la disciplina delle locazioni ad uso abitativo.  Secondo tale legge sono previsti due tipi di contratto di locazione: contratti a canone libero e contratti a canone “concordato”.

Leggi tutto...

Tettoia realizzata senza permesso di costruire, per i giudici è ok

DSCF7213 FILEminimizer28/01/2020 - La tettoia può essere realizzata senza permesso di costruire. Ma con quale titolo abilitativo? Sull’argomento si sono confrontati, per oltre dieci anni, Comune di Bari e Giustizia amministrativa. Durante questo periodo sono avvenuti importanti cambiamenti nella normativa edilizia, che potrebbero lasciare spazio a qualche dubbio.
 

Tettoia sul terrazzo, il caso

Tutto è iniziato nel 2002, quando il Comune ha rilasciato al proprietario di un immobile l’autorizzazione edilizia per la realizzazione di un "pergolato di travi in legno" sul terrazzo. Durante i lavori, il manufatto è stato esteso a tutto il terrazzo, in parziale difformità rispetto al progetto che, invece, prevedeva solo una copertura parziale. La violazione, accertata dai vigili, avrebbe comportato il pagamento di una multa, ma il Comune nel 2007 impose la demolizione della parte difforme.
 

Leggi tutto...



VUOI ESSERE AGGIORNATO SUGLI ULTIMI IMMOBILI INSERITI?

Sei alla ricerca di un appartamento, villa, masseria, trullo o qualsiasi altro immobile, inserisci il tuo nome ed indirizzo email
Copyright © 2021 Ostuni Domus - P.Iva 02093940746 - Privacy Policy - All rights reserved - Servizi Web Marketing
chiamaci senza impegno allo +39 0831 1823528 - Mobile: +39 340 1223877 o chatta con noi
Ci impegnamo a trattare i nostri clienti come la nostra famiglia